Scarpe gioiello. Omaggio all’arte e alla bellezza

L’Arabesque - brand di moda, design e gourmandise fondato da Chichi Meroni nel 2010 - ci riporta con la memoria alle “cose belle” di una volta. Un’eleganza garbata e discreta, che emerge anche nella sua nuova collezione di calzature per il prossimo autunno-inverno.
0

Erano tempi in cui la carta frusciava veloce tra le dita e Vogue, Harpe’s Bazaar, L’Officiel erano tra i periodici più autorevoli dedicati al mondo della moda. Volumi imponenti, vetrina delle ultime tendenze in materia di abbigliamento, accessori, stile. Enciclopedie del gusto con il plus dell’anticipazione. Fil rouge: l’eleganza, espressa nelle creazioni dei grandi couturier francesi debitori all’arte di innumerevoli ispirazioni.

Un immaginario di strabordante bellezza cui Chichi Meroni – fondatrice del marchio L’Arabesque – attinge da sempre, distillando con efficacia e personalità fantasie, colori, visioni. Un mix originale e garbato riconoscibile nei dettagli e in quel je ne sais quoi che colloca la “sua” moda in una bolla temporale, leggera e libera dai condizionamenti della contemporaneità.

È il caso della collezione di calzature pensate per il prossimo autunno-inverno, dalle pump in raso nero con fermatura gioiello a forma di occhio, ispirate all’immaginario surrealista di Jean Cocteau, a sandali, kitten heel e ballerine dove l’oriental ispired è presente sotto forma di fiori e aironi colorati. E alle Odalische di Matisse rendono omaggio le babouche con punta ricurva, impreziosite da perle a goccia e strass mentre conchiglie e piume colorate – simboli di buon auspicio onnipresenti nella storia dell’arte – decorano décolleté con tacco a coda o a virgola.

Non poteva mancare tra le creazioni di Chichi un modello sofisticato e decontracté, ideale per il tempo libero. Una scarpa bassa, in vitello stampa coccodrillo in ricordo di Katharine Hepburn e della Hollywood anni ’30, avanguardia di un’emancipazione femminile che ben presto avrebbe contagiato l’Europa.

Un omaggio dunque all’arte e alle donne e un invito a ritrovare – tra le pieghe di un abito e un tacco sagomato – la propria femminilità.

www.larabesque.net

LEGGI ANCHE: L’Arabesque. Un “petit salon de curiosités”

About author

Laura Perna

Laura Perna

Dopo la laurea in filosofia conseguita presso l'Università Cattolica di Milano inizia il suo percorso professionale nell'area della comunicazione: uffici- stampa, relazioni pubbliche, editoria. Il suo rapporto con la scrittura è intenso e quotidiano. FourExcellences rappresenta un "punto e a capo", una svolta. È un'idea, poi un progetto che si trasforma in realtà day by day. È una dichiarazione d'indipendenza che condivide con le sue compagne di viaggio. È lo specchio di un mondo effervescente e creativo, la voce di infinite storie.

No comments