Piscine private. Una storia americana

Dagli inizi del ‘900 i grandi divi di Hollywood sono stati precursori di nuovi modi di pensare e di vivere. La villa con piscina ne è un esempio. Uno status allora, un lusso accessibile oggi.
0

«Se salite sulle alture di Beverly Hills, vedrete luccicare a centinaia i simboli della moderna agiatezza. Tonde, quadrate, rettangolari, a forma di rene (come quella di Hathaway), di pianoforte (come quella di Liberace) o di fiore (come quella di Ester Williams), le piscine sono diventate negli ultimi anni un comfort necessario come l’aria condizionata o il refrigerante. Quelle dei cinematografari si distinguono dalle altre perché sono, di solito, di marmo pregiato, riscaldate d’inverno e profumate d’estate, secondo una nuova raffinatezza lanciata dai miliardari del Texas.»

Il frammento, che fa parte del volume I sette peccati di Hollywood* – di cui è autrice una giovanissima Oriana Fallaci – è del 1958. Ma circa quarant’anni prima, erano stati Cecil B. De Mille, Mary Pickford e Charlie Chaplin a costruire le prime piscine per affrontare il caldo torrido della West Coast. Si racconta che un invito a Pickfair (la residenza di Mary Pickford e Douglas Fairbanks) per un party in piscina, fosse ambitissimo. Qui si potevano trovare molte delle celebrità dell’epoca: Albert Einstein, Francis Scott Fitzgerald, Henry Ford… oltre a numerosi membri della nobiltà europea.

Uno status allora, che mantiene il suo fascino oggi, pur nella sua maggiore accessibilità. Lo dimostrano le realizzazioni che vi presentiamo, tutte in ambito italiano. Ville private immerse nel verde, golf club, complessi residenziali hanno scelto la piscina come luogo d’incontro all’aperto, come epicentro del relax e del benessere. Spesso pensate in continuità con il verde circostante, quasi fossero dei laghi naturali, sono altrettanto, e forse ancor più interessanti, quando inserite all’interno di progetti architettonici contemporanei dove interno, forma e camminamenti si amalgamano al linguaggio del costruito.

A questi graditissimi “optional”, capaci di rendere la stagione calda decisamente più sopportabile, è dedicata la nostra gallery, che ospita numerose piscine progettate e realizzate da alcune delle imprese più affidabili del settore. In ordine di apparizione: Mirani, Itaca, Isola Verde Piscine, A&G Piscine e Piscine Castiglione.

* I sette peccati di Hollywood di Oriana Fallaci, Longanesi 1958 – Nuova edizione: Rizzoli, Collana BestBur, 2014.

LEGGI ANCHE: Piscine: uno spirito nuovo agli spazi aperti

About author

Laura Perna

Laura Perna

Dopo la laurea in filosofia conseguita presso l'Università Cattolica di Milano inizia il suo percorso professionale nell'area della comunicazione: uffici- stampa, relazioni pubbliche, editoria. Il suo rapporto con la scrittura è intenso e quotidiano. FourExcellences rappresenta un "punto e a capo", una svolta. È un'idea, poi un progetto che si trasforma in realtà day by day. È una dichiarazione d'indipendenza che condivide con le sue compagne di viaggio. È lo specchio di un mondo effervescente e creativo, la voce di infinite storie.

No comments