Al centro del progetto: l’individuo e la sua interiorità

Come affermano le neuroscienze, l’ambiente circostante influenza profondamente la nostra vita. Stabilire una relazione, o meglio ancora una risonanza interiore tra noi e lo spazio che ci circonda è fondamentale per una migliore qualità della vita. Una filosofia che Lago - azienda veneta specializzata in arredamento d’interni - ha fatto propria e riassunto nel claim “Interior life”.
0

Ha alle spalle una lunga storia iniziata alla fine dell’Ottocento con Policarpo Lago, ebanista nelle ville nobiliari e nelle chiese veneziane. Oggi, alla quarta generazione, è Daniele con i fratelli Franco e Rosanna a guidare l’impresa di famiglia con una squadra di giovani e dinamici collaboratori. Un’azienda solida, con un fatturato di circa trenta milioni di euro, duecento dipendenti e quattrocento punti vendita, sparsi per l’Europa, tra store monomarca e multimarca.

Daniele Lago, designer.

Daniele Lago, designer.

Nel 2017, edito da Rizzoli, è uscito “Never Stop Designing Spaces”, il primo libro Lago, realizzato con l’obiettivo di raccontare il “genio italiano” del “saper ideare e del saper fare” attraverso la filiera “concept-smaltimento” e la filosofia “cultura-innovazione”.

La progettualità e le partnership con altre aziende hanno portato Lago a produrre arredi per tutte le aree della casa e, “sfruttando” il coinvolgendo dell’utente finale, a personalizzare all’infinito il prodotto. Un concetto di “versatilità modulare” iniziato nel 2003 con 36e8® – un modulo quadrato di 36,8 cm di lato – ed esteso ad altri sistemi di arredo per la casa come Air, LagoLinea, Et Voilà e N.O.W.. Le creazioni Lago hanno dunque caratteristiche tecniche e di flessibilità che, oltre ad offrire soluzioni per il comparto residenziale, si allargano agli arredi per spazi pubblici, office e commerciali.

L’organizzazione aziendale e produttiva di Lago s’ispira alla filosofia industriale di Toyota: generare valore eliminando gli sprechi. In Lago Fabbrica si crea, si produce e si assembla il prodotto e tutto è rigorosamente made in Italy. La sede della società, progettata dall’architetto Italo Chiucchini,è stata concepita secondo i principi della bioedilizia domestica, in legno e mattoni, nel totale rispetto della sicurezza, della salute e del benessere di ciascun individuo.

Altamente tecnologica e digital, Lago negli anni si è profondamente evoluta. Nel 2015 nasce il progetto Talking Furniture: il mobile viene dotato di un chip collegato all’App Lago Design, un supporto per l’utente messo a punto per conoscere le caratteristiche del prodotto creando un proprio percorso emozionale con foto e video dell’ambientazione.

La collezione 2018, presentata in occasione del Salone del Mobile.Milano è la dimostrazione di come l’ambiente influenzi il nostro benessere quotidiano. Una filosofia che l’azienda segue ormai da anni…

Disegnati da Daniele Lago: il tavolo Bold, asimmetrico e libero da ogni vincolo, sfida la forza di gravità con un unico supporto decentrato che sorregge il peso del top ultra sottile; la cucina 36e8 Fusion elegante e scultorea; modulabile e fluida la libreria Fortyfive; la madia Plenum si presenta come un unico blocco marmoreo; un vero oggetto scultore il tavolo Stratum, disegnato sempre da Daniele Lago, composto da pannelli di vetro XGlass – applicazione ideata dall’azienda che permette di trasferire immagini su vetro. Archirivolto disegna la seduta Ermes: linee sinuose in armonia con qualsiasi ambiente. Ultimi i pregiati tessuti ispirati alla tradizione artigianale veneziana che vestono i divani Lago.

Maggiori dettagli nella gallery fotografica.

www.lago.it | @lagodesign | #LagoDesign | #LagoNeverStop

LEGGI ANCHE: Il fuoco… al centro della convivialità

About author

Gabriella Steffanini

Gabriella Steffanini

Cresciuta professionalmente nel mondo dell’editoria e della comunicazione, oggi, con il progetto Fourexcellences, ha concretizzato un sogno. Attrice per hobby, yogi nell’anima e sportiva per vocazione, è un mix di caos, silenzio, musica, generosità, amore, amicizia, favole, vecchio, moderno, tablet, pc, libri e parole, parole, parole… Cosa saremmo senza? Si occupa di marketing e di digital web.

No comments