L’estate si veste d’Africa

Tendresses per la sua collezione di abiti primaverili sceglie i colori, la natura e la cultura della terra dei Masai e le rende omaggio. Tanti i dettagli e le suggestioni esotiche che valorizzano lini, sete e cotoni.
0

«Per essere felici ci vuole coraggio.»

Come si può dimenticare il bellissimo film “La mia Africa” tratto dall’omonimo libro di Karen Blixen? Nell’avventurosa cornice del Masai Mara, una superlativa Meryl Streep a fianco dell’affascinante Robert Redford, vivevano un’indimenticabile e romantica storia d’amore.

Se chiudiamo un istante gli occhi possiamo ancora vederne le immagini: paesaggi incantevoli dai colori vividi e brillanti, tramonti e albe da togliere il fiato, spiagge bianche e incontaminate, piante e fiori tropicali lussureggianti, animali fieri e selvaggi, voci di bambini che si confondono con il ritmo di tamburi ancestrali. Questa, e non solo, è l’Africa.

Una febbre, quella per il continente nero, che contamina ancora oggi la moda. Lo dimostra la collezione di Tendresses – nome che significa dieci vestiti in inglese ma anche tenerezze in francese – che s’ispira alla cultura Masai. Stampe etniche, ricami preziosi e motivi tribali rappresentano un perfetto mix di dettagli e suggestioni che prendono vita su materiali rigorosamente naturali. Seta, lino e cotone si accendono dei toni caldi dell’ocra e del marrone, giocano con righe e pattern geometrici; tenere scimmiette e raffinati motivi floccati ton-sur -ton diventano protagonisti e valorizzano le maglie e gli abiti leggeri; infine piccole conchiglie ricamano i corpetti delle tute in seta o dei tubini rivisitati in chiave esotica. L’insieme è un mini guardaroba dove si fondono raffinatezza e naturalità. Per sentirsi tutt’uno con la Terra.

…Mal d’Africa… l’unica malattia da cui non guarire mai!

LEGGI ANCHE: L’optical art seduce ancora una volta la moda

About author

Lara Mazza

Lara Mazza

Agli studi scientifici ha preferito la filosofia, la scrittura, la fotografia e poi la comunicazione. Così, a forza di parlare per lavoro e scattare per diletto, sono passati un bel mucchietto di anni. Il tempo passa, la vita corre ma la passione resta. Se su due ruote o accompagnata da un quattro zampe meglio ancora.

No comments