Aria di mare

0

Nel post “Lo stile è nell’armonia dei contrasti* vi abbiamo raccontato l’Autunno Inverno 2017-2018 di Twins Florence – marchio emergente del made in Italy, fondato nel 2015 dalla toscana Linda Calugi – una collezione in cui gli Anni ’70 si fondono con le linee essenziali ed asciutte delle divise militari.

La collezione Primavera/Estate 2018, che qui presentiamo, prende spunto dall’acqua, elemento da cui tutto ha avuto origine, e dal mare, culla del mondo e luogo in continuo movimento.

Ed è proprio dal mare, dai giacconi dei pescatori, dai tessuti ruvidi e coprenti, che prende origine la collezione dei capi spalla dove la durezza del capo si stempera e si addolcisce con l’imbottitura staccabile, con i fori nei tessuti per aerare che diventano decori. La biker jacket, dotata di fusciacca in pelle, gioca con il vento avvolgendo e modellando la silhouette con grazia.

Abiti-camicia, pantaloni palazzo e una mini capsule di maglieria, in tre colori, completano la collezione Twins Florence, Primavera/Estate 2018.

I tessuti, come sempre, sono in fibre naturali. Cotoni, canvas lavati e lini pregiati lavorati in texture materiche tra righe tono su tono. Spicca l’hickory stripes indaco da sette once in lino e cotone, materiale nobile antico e dalla trama fresca molto estiva. La lavorazione del pellame, tradizione ed eredità del brand, la ritroviamo nei capi in nappa, anche traforati, nei camosci morbidi e leggeri e nei mix monocromatici di pelle e tessuto.

Il mare è ancora nei colori dei tessuti: il blue navy, delle acque profonde e il bianco naturale della schiuma. Le pelli hanno le tinte calde della terra, della terra arsa, della sabbia e del fieno.
La natura innanzitutto…

*http://www.fourexcellences.com/twins-florence-by-linda-calugi-collection-fall-winter-2017-2018/

www.twinsflorence.com | @twinsflorenceofficial | #twinsflorence

About author

Gabriella Steffanini

Gabriella Steffanini

Cresciuta professionalmente nel mondo dell’editoria e della comunicazione, oggi, con il progetto Fourexcellences, ha concretizzato un sogno. Attrice per hobby, yogi nell’anima e sportiva per vocazione, è un mix di caos, silenzio, musica, generosità, amore, amicizia, favole, vecchio, moderno, tablet, pc, libri e parole, parole, parole… Cosa saremmo senza? Si occupa di marketing e di digital web.

No comments

Idra di Lerna, pezzo unico, Gerardo sacco

L’arte orafa va in scena

La vocazione significa avere per mestiere la propria passione (Stendhal) Saper fare bene le cose per il proprio piacere, per rispondere alla propria vocazione: plasmare, ...