L’online, bussola per gli acquisti

0

Il 18 luglio scorso si è svolto a Palazzo Mezzanotte il primo Convegno Netcomm-Pambianco sul tema: “Rivoluzione digitale: opportunità e sfide per le aziende della moda, del beauty e del design”. Focus del dibattito l’e-commerce e, più in generale, i nuovi sviluppi offerti alle aziende da un approccio multicanale che integri online e offline.

Creare una community, raccontarsi con uno storytelling credibile, profilare il cliente sono solo alcuni degli argomenti emersi durante questa giornata di lavori dove si sono alternati sul palco della Borsa Italiana i manager di alcuni dei marchi più conosciuti del lifestyle italiano: L’Oréal e Pupa per il beauty, Twin-SetPrivalia Vente Privée, OVS e Vibram per la moda, FlosDalani e Lago per il design cui si è aggiunto, per l’editoria, Marco Formento, responsabile digital di Condé Nast Italia.

Il summit ha fatto il punto sullo “stato dell’arte” e ha messo in luce come l’online sia ancora per molti versi un canale inesplorato e, spesso, utilizzato ben al di sotto delle sue possibilità da molte aziende italiane, ritrose o impreparate a mostrarsi sul web. Come ha spiegato Roberto Liscia, Presidente di Netcomm «Per questi settori del Made in Italy il digitale è una scelta propulsiva potente. È necessario che le imprese sappiano fare rete e si avviino verso un percorso di cambiamento. La valorizzazione dei distretti e delle vie della moda italiane attraverso piattaforme online, come già è accaduto per esempio ad Amsterdam, consentirebbe ai consumatori italiani ma anche e soprattutto ai turisti stranieri, di poter continuare l’esperienza di acquisto una volta tornati a casa e creerebbe un forte legame con il brand.»

Le strategie per il futuro dovranno dunque puntare a un’interazione sempre più intensa tra punto di vendita fisico e canale digitale. Se consideriamo il segmento luxury, l’online influenza oltre un terzo delle vendite retail totali*, con una rilevanza in crescita anno su anno; nel 2016 la percentuale e-commerce sul fatturato globale retail è stata del 36%, di cui il 7,4% da vendite realizzate direttamente online e il 28,5% da acquisti conclusi in store ma guidati dall’online.

In questo sistema di unified commerce l’online diventa bussola per gli acquisti che si concludono in store. «È dunque necessario – ha spiegato Marco Pozzi, Senior Advisor di Contactlab – che i brand focalizzino l’attenzione sul customer engagement digitale dei clienti che acquistano in negozioSono questi i consumatori che comprano più frequentemente e spendono di più.“Tuttavia i contenuti su web, social e digital direct marketing oggi appaiono ancora molto standardizzati – afferma ancora Marco Pozzi – e spesso a livello locale c’è ben poco oltre alla mera traduzione. La nuova sfida è quindi quella di aumentare il livello di personalizzazione dei contenuti, utilizzando anche le forze già in campo come i sales associate, già presenti in tutti i negozi del mondo e con la migliore conoscenza dei clienti: il clienteling è la nuova Digital Frontier».

Non è un caso che, valutata la forza persuasiva dei contenuti diffusi online, il gruppo editoriale Condé Nast Italia abbia deciso di dare il via a Condé Nast Academy, una scuola di formazione per 20 nuove beauty blogger italiane. L’iniziativa, nata in collaborazione con L’Oréal Italia e Bocconi, prenderà il via a settembre con la messa a punto dei criteri di ammissione al bando e le successive selezioni e, nel 2018 – come ha precisato sul palco Marco Formento – il progetto si estenderà a moda e lifestyle.

* Fonte: ContactLab analysis 2016

LEGGI ANCHE: Fashion, food e design. Un format innovativo

About author

Laura Perna

Laura Perna

Dopo la laurea in filosofia conseguita presso l'Università Cattolica di Milano inizia il suo percorso professionale nell'area della comunicazione: uffici- stampa, relazioni pubbliche, editoria. Il suo rapporto con la scrittura è intenso e quotidiano. FourExcellences rappresenta un "punto e a capo", una svolta. È un'idea, poi un progetto che si trasforma in realtà day by day. È una dichiarazione d'indipendenza che condivide con le sue compagne di viaggio. È lo specchio di un mondo effervescente e creativo, la voce di infinite storie.

No comments

Arper. I pannelli fonoassorbenti “Parentesit” nella versione freestanding. I progettisti Lievore Altherr Molina si sono ispirati all'essenzialità del design d’interni giapponese. Qui, paraventi “all'Occidentale” si declinano in tondi e quadrati per ricavare, negli ambienti di lavoro condivisi, uno spazio per la concentrazione individuale. A terra i pouf “Pix” disponibili a uno, tre o cinque posti. Design Ichiro Iwasaki.

Le relazioni al centro del progetto

Tavoli, sedute, divani. Denominatori comuni: la leggerezza, che ogni volta si esprime in linee semplici eppure singolari; la capacità relazionale delle collezioni, complementari una all’altra; ...