Arte, moda, politica

0

In occasione della Milano Fashion Week 2017 – #MFW2017 – Situationist, brand georgiano, fondato da Irakli Rusadze, ha sfilato in una delle nuove location della Camera Nazionale della Moda – Sala delle Cavallerizze, presso il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano – special guest di White Milano, salone della moda contemporary, da sempre proiettata sul fashion Made in Est Europe.

Sulla passerella la collezione Autunno/Inverno 2017-18. Cappotti lunghi con grandi revers doppi; giacche e pantaloni over size; diversi modelli di tute in pelle verde, in neoprene beige e lana effetto pelliccia in un’intrigante tonalità borgogna; cappe con maniche corte e bomber; shorts e pantaloni lunghi. A completare le mise le calzature: stivali lunghi effetto pants curly heels in camoscio e pelle. La collezione gioca con colori passepartout: nero, grigio, blu con qualche concessione al verde e al già citato borgogna.

La filiera produttiva e creativa dei capi – abbigliamento e scarpe – è in Georgia ed è seguita personalmente dal giovane fondatore del marchio, Irakli Rusadze.
Il brand, che prende spunto della corrente Situazionista – movimento politico e artistico, nato in Europa nella seconda metà del Novecento – ci racconta che gli abiti sono figli di momenti storici e culturali e che interagendo in altri contesti si influenzano e modificano a loro volta.

La t-shirt con la stampa della bandiera georgiana, in passerella durante la sfilata della collezione Primavera/Estate 2017 è diventata oggetto di culto tra le community di influencer internazionali e la super model Bella Hadid, che ha indossato i capi Situationist durante la fashion week parigina di gennaio, ne ha decretato il successo a livello planetario.

@situationistofficial
#situationist

Foto: Situationist, Credit White press office

About author

Gabriella Steffanini

Gabriella Steffanini

Cresciuta professionalmente nel mondo dell’editoria e della comunicazione, oggi, con il progetto Fourexcellences, ha concretizzato un sogno. Attrice per hobby, yogi nell’anima e sportiva per vocazione, è un mix di caos, silenzio, musica, generosità, amore, amicizia, favole, vecchio, moderno, tablet, pc, libri e parole, parole, parole…
Cosa saremmo senza? Si occupa di marketing e di digital web.

No comments

Wallpepper®. “La città” disegnata da Alessandra Scandella, fa da sfondo a un’indipendente figura femminile. L’opera fa parte del catalogo “Fine-Art” progetto grazie al quale Wallpepper® si propone come nuovo mezzo di diffusione di immagini autoriali.

Esprimere l’identità dei luoghi

Graffiti, affreschi, mosaici, dipinti… i muri raccontano storie, istantanee di un’epoca e dei suoi modi di vivere e interpretare il mondo. Pareti da disegnare, decorare, ...