Un’estate in Costa Azzurra

0

Originaria della Repubblica del Suriname – ex colonia olandese incastonata tra le due Guyane nel nord del Sudamerica – Winonah De Jong porta nella fashion week milanese, dedicata alla primavera-estate 2018, l’atmosfera fresca ed elegante della Costa Azzurra anni ’60.

Una collezione con due anime: una strutturata e bon ton con abiti e spolverini a vita alta animati da grafismi in bianco e nero, camicie con collo a cratere e piccoli top-bustier, l’altra fluente e femminilissima, quasi botticelliana, con vesti a kimono, drappeggi, applicazioni di fiori, declinata nei toni accesi del rosa lampone e del giallo citrino. Cromie decise, cui si aggiungono il bianco e le nuances naturali delle terre nei capi daywear più easy.

Alle tinte unite e piene si accostano fantasie esotiche stampate su trame impalpabili in un omaggio ai climi tropicali. È un’esplosione di tralci verdi e fiori d’ibisco che si rincorrono su bluse soavi e pigiama palazzo e su foulard e fasce per capelli a completamento dei look.

Alla sua quinta collezione Winonah De Jong si è ormai trasformata da socialite e trendesetter a fashion designer e imprenditrice del suo brand. Un marchio divenuto in poco tempo internazionale e molto apprezzato dalle celebrities. Cosmopolita, sempre in viaggio tra Amsterdam, Milano e Istanbul – dove il marito, Nigel de Jong, calciatore, gioca oggi tra le fila del Galatasaray Istanbul – Mrs De Jong ha scelto l’Italia per produrre i suoi capi. E la peculiarità delle sue collezioni è proprio qui, nella scelta dei tessuti: sete, cotoni, organze, viscose lavorati in modo innovativo, e nella manifattura, sempre accurata e raffinatissima. Una tradizione sartoriale che Winonah ha saputo far propria nella fedeltà al suo stile. Volutamente “leggero”, squisitamente femminile.

www.winonah.com | @winonah_official | #winonah

About author

Laura Perna

Laura Perna

Dopo la laurea in filosofia conseguita presso l’Università Cattolica di Milano inizia il suo percorso professionale nell’area della comunicazione: uffici- stampa, relazioni pubbliche, editoria. Il suo rapporto con la scrittura è intenso e quotidiano. FourExcellences rappresenta un “punto e a capo”, una svolta. È un’idea, poi un progetto che si trasforma in realtà day by day. È una dichiarazione d’indipendenza che condivide con le sue compagne di viaggio. È lo specchio di un mondo effervescente e creativo, la voce di infinite storie.

No comments