All’ombra della Torre Velasca

106 metri di altezza, 26 piani fuoriterra, sottoposta a vincolo culturale nel 2011 per il suo valore storico-artistico, la Torre Velasca è una delle icone più controverse dell’architettura milanese. Costruita in 292 giorni, tra il 1956 e il 1958, progettata dallo Studio BBPRGianluigi BanfiLodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti, Ernesto Nathan Rogers – la Torre Velasca è una citazione Moderna della Torre del Filarete al Castello Sforzesco.

Simbolo del boom economico e dell’effervescenza post bellica, la Velasca è stato il primo grattacielo con una forma a fungo. Un’esigenza funzionale dettata dall’ubicazione, l’omonima piazza con spazi esigui per l’edificazione, e dalla volontà di ottenere la massima cubatura abitabile con una destinazione d’uso mista: 18 piani per il terziario e i successivi piani aggettanti ad uso residenziale.
Emblema di quello che si sarebbe configurato come il futuro Quartiere Direzionale milanese, sfondo più recente della “Milano da bere” di molti set cinematografici, oggi la Torre è uno dei soggetti forti di Urban up, un progetto di riqualificazione immobiliare del Gruppo Unipol volto a valorizzare alcuni tra i più importanti edifici di sua proprietà.

living divani temporary store expo 2015

Zona notte: il letto Rod Bed e ai piedi la panca Track di David Lopez Quincoces. A lato le poltroncine Gray e i tavolini della Rabbit & the Tortoise Collection di Studio Juju. Alla parete gli scrittoi FJU di kaschkasch. (ph Santi Caleca)

Un’opportunità per riscoprire la Torre
Per tutto il periodo di Expo 2015 sarà possibile sostare ai piedi della Torre. Sotto la struttura metallica, realizzata per l’appoggio del futuro ponteggio, funzionale al recupero di tutte le parti esterne dell’edificio, Living Divani ha infatti organizzato* numerosi spazi per il relax, la lettura e la conversazione. Progettata dall’architetto Piero Lissoni, l’oasi verde abbraccia tutto il perimetro della Torre, proponendo, in un susseguirsi di ambientazioni, i pezzi più celebri e le ultime novità Living Divani per l’arredo degli spazi esterni.

Living Divani Temporary Store
Come un discorso che continua, Living Divani si offre ai passanti nel Temporary Store** al piano terra della Torre. Un concept, sempre di Piero Lissoni, che interpreta la vocazione metropolitana e internazionale dell’azienda, ambasciatrice di uno stile italiano che si distingue per l’eleganza discreta, la purezza di linee, la qualità dei materiali e il riconoscimento dell’arte contemporanea come valore aggiunto al progetto.

È infatti una scia luminosa, scultura al neon pensata come tributo a Lucio Fontana, a costituire il fil rouge delle quattro ambientazioni proposte da Living Divani.
Conversazione, relax, pranzo e zona notte accolgono imbottiti, tavoli e sedute dalle silhouette asciutte declinate nei colori delle terre. E nell’Acquario, ambiente vetrato attiguo all’ingresso della Torre, la poltrona Frog, disegnata nel 1995 da Piero Lissoni, è protagonista di un’installazione che si ispira alla natura… Un’immaginaria parete di roccia e al tempo stesso un’onda dove le “rane” in innumerevoli varianti, sembrano sul punto di saltare.

living divani temporary store expo 2015

L’“Acquario”, interamente dedicato alla poltrona Frog, prodotto icona disegnato nel 1995 da Piero Lissoni che celebra in questo modo i propri 20 anni. (ph Santi Caleca)

*Hanno collaborato alla realizzazione degli spazi esterni: Kerakoll Design House per le superfici, Nespoli Vivai per la piantumazione e Carnini Irrigazione per la cura delle aree verdi.
**Hanno contribuito alla realizzazione del Temporary Store: Kerakoll Design House per le finiture e Flos per l’illuminazione.

www.livingdivani.it | @livingdivani

LEGGI ANCHE: ARCHITETTURA D’INTERNI

About author

Laura Perna

Laura Perna

Dopo la laurea in filosofia conseguita presso l'Università Cattolica di Milano inizia il suo percorso professionale nell'area della comunicazione: uffici- stampa, relazioni pubbliche, editoria. Il suo rapporto con la scrittura è intenso e quotidiano. FourExcellences rappresenta un "punto e a capo", una svolta. È un'idea, poi un progetto che si trasforma in realtà day by day. È una dichiarazione d'indipendenza che condivide con le sue compagne di viaggio. È lo specchio di un mondo effervescente e creativo, la voce di infinite storie.

Worth Partnership Project

EU: WORTH Partnership Project, torna

Finanziato dal programma COSME dell’Unione Europea, Worth Partnership Project si propone di sostenere collaborazioni tra creativi, piccole e medie imprese (PMI) e tech firms. I ...