Spaghetti chair by Alfredo Häberli

Ho pensato: se Giandomenico Belotti fu in grado di progettare una sedia così estrema prima che io iniziassi questo lavoro, forse queste immagini che vedo, questa ricerca di nuove interpretazioni, potrebbero servire come una piccola festa di gioia. (Alfredo Häberli, designer)

Progetto-simbolo della storia del design, esposta al MoMA di New York, Spaghetti chair, disegnata da Giandomenico Belotti nel 1979, rappresenta l’incipit di Alias, un’azienda che sull’essenzialità e la leggerezza ha costruito la propria credibilità e filosofia.

alias spaghetti chair limited edition

Alias. Lo “schizzo” Spaghetti di Alfredo Häberli.

Un’idea che nasce da un’invenzione – il filo estruso di PVC – e dalla rielaborazione in chiave razionalista della sedia impagliata. In quel gesto manuale, costruire seduta e schienale passando il filo da un lato all’altro dell’esile telaio in acciaio, si rivela la capacità di guardare al futuro trattenendo abilità ed expertise che appartengono al nostro migliore artigianato.

alias spaghetti chair limited edition

Alias. Sedia Spaghetti Armchair: struttura in acciaio verniciato e seduta in tondino PVC.

Sintesi di creatività, industrial design e handmade Spaghetti chair ha avuto una serie di epigoni, interpretazioni, varianti. La stessa Tagliatelle di Jasper Morrison, sempre prodotta da Alias, ne cita e riformula ogni elemento, mantenendo la semplicità e l’accogliente elasticità dell’originale.

Alfredo Häberli l’ha celebrata, ancora una volta, con una Limited Edition di sette pezzi unici. Un gioco, un omaggio, un itinerario a ritroso nella storia del mobile e del design che ha la grazia e l’asciutta bellezza di un giardino Zen. Allungata in verticale e orizzontale, allargata, abbassata, ristretta, dotata di un piccolo tavolo o romanticamente accoppiata in un vis-à-vis, Spaghetti chair si è piegata all’estro del designer argentino rimodellandosi all’interno di un progetto più ampio, che le comprende tutte. Come componenti di un’unica opera le sedie si trasformano in icone, elementi mobili di un’installazione che ha la scintilla dell’arte.

Il progetto, che rispecchia il mood pionieristico di Alias, è stato concepito per essere una mostra itinerante. Prima tappa a Bruxelles, nei giorni scorsi, all’interno del Museo di Architettura CIVA – International Center for City e ora, dopo il vernissage milanese del 22 settembre presso il flagship store Alias, diretta verso Praga, Tokyo e Parigi.

Spaghetti chair Limited Edition by Alfredo Häberli si compone di 7 modelli editati in 7 serie. È possibile acquistare l’intera opera o le singole sedie scrivendo a: marketing@aliasdesign.it

LEGGI ANCHE: TAG/ALIAS

About author

Laura Perna

Laura Perna

Dopo la laurea in filosofia conseguita presso l'Università Cattolica di Milano inizia il suo percorso professionale nell'area della comunicazione: uffici- stampa, relazioni pubbliche, editoria. Il suo rapporto con la scrittura è intenso e quotidiano. FourExcellences rappresenta un "punto e a capo", una svolta. È un'idea, poi un progetto che si trasforma in realtà day by day. È una dichiarazione d'indipendenza che condivide con le sue compagne di viaggio. È lo specchio di un mondo effervescente e creativo, la voce di infinite storie.

Optimist Rhythm campagna Prada Uomo Primavera Estate 2020

Parole, immagini, individualità

Optimist Rhythm, la campagna pubblicitaria Primavera-Estate 2020 di Prada si veste di dualità, molteplicità, reinvenzione e rinnovamento costante: il convenzionale si mette da parte, non ...