Guanciali. Storia, curiosità, innovazioni

0

Il nostro sonno è prezioso. Una “buona dormita” può regalarci una giornata solare e positiva. Tra gli accessori “da letto” quanto è importante il cuscino? Si dice cuscino o guanciale? E qual è la differenza? Ecco cosa abbiamo scoperto.

Il termine cuscino dal latino medievale “coxinum” da “coxa” = “coscia”, quindi “cuscino per sedere”. Un sacchetto, di qualsiasi forma, in tela o ricoperto da una federa ad uso ornamentale ripieno di lana, piume, crine, gommapiuma o altro. Corretto e meno utilizzato il termine guanciale, derivato di “guancia”, il cuscino per appoggiare la testa, il “cuscino per dormire“.

L’oggetto di nostro interesse ha origini nobili e molto antiche.
Nell’Antica Mesopotamia era scolpito in pietra in un tutt’uno con la forma del cranio. In Egitto, all’epoca dei Faraoni era intagliato nel legno o lavorato nel metallo, rivestito di ovatta e decorato di pietre preziose. In Cina tra le famiglie molto facoltose il guanciale era fatto in porcellana smaltata, dipinta in oro zecchino e impreziosito di perle e pietre preziose. In Europa, nel Medioevo i cuscini arricchivano i corredi nuziali. Molto più goderecci i Greci e i Romani, che si circondavano di cuscini soffici di stoffa, paglia e piume.

Lo sdoganamento alle masse del guanciale, sia nei materiali sia nelle forme, arrivò con la Rivoluzione Industriale. Da allora molto è cambiato e ricerca, innovazione e attenzione all’estetica sono cresciuti di pari passo.

Giusta altezza e buona consistenza sono le caratteristiche del guanciale perfetto. Quando si dorme la colonna vertebrale deve essere rilassata ed in posizione naturale mentre il collo non deve modificare la naturale curvatura.

Uno dei materiali più antichi utilizzati per dar forma al guanciale è la piuma. Un materiale che la toscana Cinelli Piume e Piumini lavora dal 1964 realizzando più Linee di produzione dedicate alla casa, all’hotellerie, all’arredamento e all’abbigliamento.

La produzione di guanciali Cinelli Piume e Piumini si differenzia per imbottitura e funzionalità. Le proposte in piuma per la collezione Autunno/Inverno 2019 annoverano due new entry: Cervino e Rio.
Cervino, imbottitura formata da 90% piumino d’oca e 10% piccolissime piume, rivestimento 100% in cotone. Graziosa, la finitura che corre per tutto il perimetro in cordoncino coda di topo, tono su tono. Dimensione: 50×75 cm. Il modello Rio rivestito in 100% cotone Batista con imbottiture in piumino e piumette d’oca divise in camere. Una camera centrale formata dal 30% piumino e 70% piumette per sostenere il capo e due camere 100% piumino per regalare comfort e morbidezza. Il perimetro del guanciale è rivestito da una fascia laterale in cotone con finiture argentate. Dimensione: 50×75 cm.

Cervino e Rio, come tutti i prodotti dell’azienda, sono anallergici certificati NOMITE® adatti a chi soffre di allergie alle polveri domestiche. Il procedimento di trattamento, di lavaggio e di sterilizzazione delle piume e dei piumini sanifica e sterilizza il prodotto. I tessuti a tenuta di piuma a trama molto fitta, che accolgono la piuma, limitano l’ingresso delle polveri e la proliferazione degli acari.

LEGGI ANCHE: LEGGERI… COME UNA PIUMA

About author

FourExcellences

FourExcellences

La voce narrante del Made in Italy FourExcellences è una piattaforma editoriale dedicata alle quattro eccellenze italiane: Architettura, Moda, Cucina, Luoghi d’arte. Sono le espressioni più celebrate del Made in Italy, di quel patrimonio di creatività e memorie che ci rende unici agli occhi del mondo.

No comments