Apre a Milano il ristorante Miyabi. Cucina giapponese con influenze occidentali

0
miyabi apre a milano

Arriva da Bergamo dove è già un luogo di riferimento per gli amanti della cucina giapponese. A Milano Miyabi – che si traduce con le parole eleganza o cortesia – apre le sue porte in corso Monforte 26 e propone una “original sushi experience”, come sottende il nome stesso del ristorante che presenta una cucina autenticamente giapponese con influenze occidentali.

Se l’ispirazione segue infatti le regole della cultura nipponica con ingredienti base prevalentemente giapponesi, la contaminazione con prodotti tipicamente italiani (come, ad esempio, olio extra vergine di oliva ed erbe aromatiche) rende i piatti proposti unici nel loro genere. Chef di questo accogliente locale nel cuore della movida milanese, con un tradizionale banco a vista, è il maestro di sushi Hiko Ochai, già stimato per la sua arte in Giappone grazie a importanti esperienze in ristoranti come, ad esempio, il Rappongi Sushi Suzuki, il Sushi Kikuchi e il Nishiazabu Gonpachi. Con lui, qui a Milano, la moglie Noriko Ikeda, insegnante presso l’Abc Cooking Studio ed esperta di pasticceria, e Ivan Donelli, amico e socio d’affari.

Nel menù troverete voci “conosciute” come sushi e sashimi, tartare, nighiri e uramaki. Ma leggendo più attentamente scoprirete quel mix tra oriente e occidente che caratterizza la cucina del locale. I dolci sono fatti “in casa”, dal tiramisù al tè verde alla cheese cake con salsa di mirtilli. Buona la carta dei vini, italiani, cui si aggiungono le birre giapponesi e lo Yoichi, whiskey giapponese considerato tra i migliori al mondo.

www.miyabimilano.it | @miyabi_milano | #miyabimilano

LEGGI ANCHE: Ristorante, bar, pinseria: una novità sui Navigli milanesi

About author

Lara Mazza

Lara Mazza

Agli studi scientifici ha preferito la filosofia, la scrittura, la fotografia e poi la comunicazione. Così, a forza di parlare per lavoro e scattare per diletto, sono passati un bel mucchietto di anni. Il tempo passa, la vita corre ma la passione resta. Se su due ruote o accompagnata da un quattro zampe meglio ancora.

No comments