Peccati di gola…

0

Il dolce… o dessert, cake, gâteau, guloseima, godis, postre, taart, ciasto, dort… in qualsiasi lingua venga pronunciato desta gioia e buon umore. E io li amo tutti. Il profumo che emanano appena sfornati e altrettanto mangiarli.

A Milano, la città dove vivo, tra i locali dove cadere in tentazione, è assolutamente da provare, se ancora non lo conoscete, Pica Milano in via Ozanam, piazza Lima. Un angolo di paradiso portato avanti da un team di giovani pastry chef intraprendenti e con una gran voglia di mettersi in gioco.

Pica Milano

Pica Milano. Nell’immagine Mâitre Pâtissier Massimo Pica.

In quanti modi è possibile declinare un dolce? Per gusto, per cromia e per texture. Tre semplici concetti che definiscono le creazioni Pica Milano e danno il titolo al libro scritto dal Mâitre Pâtissier Massimo Pica fondatore nel 2015 con Grace Hypolite e, il di lei marito, Ciro Papandrea di questa realtà imprenditoriale.

Una pasticceria moderna, che si stacca da quella tradizionale, e da tutto ciò che è standard, sperimentando nuove basi per gli impasti, nuovi accostamenti di sapori e di consistenze per dare forma a dolci dal design scultoreo e a bavaresi, mousse e ganache decorate da glasse lucenti, frutta e cioccolato.

Affiancata alla pasticceria, e al laboratorio in via Fortezza, la scuola di formazione Pica Pastry School. Con una serie di master rivolti a professionisti e amatori, ha ospitato nel corso degli anni un pool di docenti tra i più importanti nel panorama internazionale della pasticceria quali: Rolando e Francesco Morandin, Antonio Bachour, Johan Martin, Emmanuele Forcone, Loretta Fanella.

Oltre ai dolci, tra i nuovi progetti, Pica Milano ci sorprende con il pane, nato da un inedito di mix di lievito madre, farina di semola integrale e cinque cereali. Un impasto speciale per un pane d’altri tempi dalla crosta dorata e croccante, dall’interno morbido e compatto e dal gusto equilibrato. Tra le novità che ci sorprenderanno nei prossimi mesi la pizza al tegamino. Sarà tutta da scoprire…

Non possiamo non menzionare la collezione di Panettoni firmati da Pica Milano il cui ingrediente protagonista è il Lievito Madre, un composto di farina di frumento e acqua con una presenza di microrganismi di specie diverse. La lavorazione dell’impasto, di settantadue ore, garantisce un risultato assolutamente impeccabile. I gusti? Panettone Classico, Panettone Mandorlato, Panettone Cioccolato e Marroni e Panettone al Pistacchio. Una gioia solo menzionarli, per una Panettone-dipendente come me!

Pica Pasticcerie Milano è presente, sempre a Milano, anche al Lavazza flagship store di piazza San Fedele, da Eataly in piazza XXV aprile, al The Stage Dining in piazza Gae Aulenti e al Dim Sum in via Nino Bixio. Il 9 settembre 2020 Pica Milano ha avviato una nuova eccitante collaborazione con Viaggiator Goloso, inaugurando un nuovo punto vendita VG a Calco (Lecco).

 

LEGGI ANCHE: CUCINA / RISTORANTI E LOCATION

 

About author

Gabriella Steffanini

Gabriella Steffanini

Cresciuta professionalmente nel mondo dell’editoria e della comunicazione, oggi, con il progetto Fourexcellences, ha concretizzato un sogno. Attrice per hobby, yogi nell’anima e sportiva per vocazione, è un mix di caos, silenzio, musica, generosità, amore, amicizia, favole, vecchio, moderno, tablet, pc, libri e parole, parole, parole… Cosa saremmo senza? Si occupa di marketing e di digital web.

No comments

MarVles la capsule di borse firmata Patricia Urquiola

Architetture da passeggio

Giochi di intarsi in pelle e marmo per la capsule di borse MarVles firmata da Patricia Urquiola. È un progetto multidisciplinare messo a punto con ...