Silhouette “Linea Z”

0

Presentata alla stampa il 24 Aprile 1961 la Citroën AMI 6 diventerà nel 1966 l’auto preferita dai francesi, la più venduta di Francia, con oltre un milione di pezzi prodotti. Un auto pratica, comoda e robusta per il trasporto, in tutto comfort, di quattro persone.

L’origine del nome

L’origine del nome AMI 6 è un gioco fonetico tra la “A” sigla della 2 CV e “Mi“ come “gamma media”. Risultato di “AMI”, in italiano “amico” molto probabilmente ispirata all’italiano, di Varese, Flaminio Bertoni, designer dell’auto.

Flaminio Bertoni, il designer

E fu proprio Flaminio Bertoni che in precedenza aveva già disegnato, con l’equipe del Centro Stile Citroën, la Traction Avant, la 2CV e la DS, a dar forma, nel nuovo stabilimento di Rennes in Francia, al Progetto AM.

Il progetto

Il Progetto AM fu una sfida lanciata dal Direttore Generale Pierre Bercot, da poco arrivato in Citroën, e dall’ingegnere capo André Lefebvre alla Direzione tecnica e commerciale dell’azienda. Creare una “media” a quattro porte, con motore di meno di un litro, capace di portare quattro persone e tutti i loro bagagli con un comfort di “stampo Citroën”. Senza portellone, componente non amata da Pierre Bercot, ma con una linea a tre volumi e utilizzando pianale e la maggior parte degli organi meccanici della 2CV.

Richiesta che piacque molto all’”italiano”, com’era chiamato in azienda Flaminio Bertoni, che pochi giorni dopo si ripresentò da Bercot con un modello in gesso della futura Citroën AMI 6.

Il design

Il cofano anteriore, profilato e aerodinamico, i fari anteriori integrati nel frontale, una linea “Ponton” che collegava il frontale al retro della vettura ed un ampio bagagliaio di oltre 350cm³ di volume. Un grande tetto in resina, come quello della DS, partiva dal parabrezza anteriore e arrivava ben oltre la testa dei passeggeri, per poi “tornare” indietro fino alle loro spalle, lasciando abbondante spazio alle teste degli occupanti del sedile posteriore!

Una linea a “Z” inedita che permetteva di alloggiare comodamente i quattro passeggeri ed il loro bagaglio sul pianale della 2CV. Bercot rimase impressionato: tutti gli organi meccanici della 2CV, col motore portato a 602cc di cilindrata dai 425 della 2CV. Telaio irrigidito ma del tipo 2CV: stesse quote, carrozzeria con piani sagomati ed ampie scalfature per permettere l’uso di lamiere più sottili a parità di rigidezza dell’insieme. Et les jeux sont faits! La Citroën AMI 6 fu il capolavoro del designer.

Il marketing innovativo

La Citroën AMI 6 oltre a sorprendere dal punto di vista estetico fu innovativa anche in termini di marketing. Nelle campagne pubblicitarie era presentata come “la deuxième voiture idéale pour Madame=la seconda auto di famiglia, ideale per le Signore”. Yvonne de Gaulle, la moglie del generale de Gaulle, guidava proprio quest’auto.

L’evoluzione

Flaminio Bertoni e il suo team diedero vita ad una vettura originale e innovativa con una moltitudine di estimatori. Ma la vera svolta avvenne alla fine del 1964 con la giardinetta (320 Kg di carico utile) – progettata Henri Dargent (assistente di Flaminio Bertoni) e Robert Opron (successore di Bertoni, morto nel 1964) – modello che ne aumenterà sensibilmente le vendite e che prenderà il posto della berlina. La station wagon offrirà un grande volume di carico con un accesso facile e pratico. L’ideale per i viaggi in famiglia e per uso professionale dall’agente di commercio all’artigiano.

L’epilogo

La produzione della berlina Citroën AMI 6 terminerà nel marzo 1969 in favore della nuova AMI 8, meno atipica e con il lunotto posteriore nella direzione “giusta”. Quest’ultima lascerà il posto alla Visa nel 1978.

 

LEGGI ANCHE: TAG / PSA GROUPE

 

About author

Gabriella Steffanini

Gabriella Steffanini

Cresciuta professionalmente nel mondo dell’editoria e della comunicazione, oggi, con il progetto Fourexcellences, ha concretizzato un sogno. Attrice per hobby, yogi nell’anima e sportiva per vocazione, è un mix di caos, silenzio, musica, generosità, amore, amicizia, favole, vecchio, moderno, tablet, pc, libri e parole, parole, parole… Cosa saremmo senza? Si occupa di marketing e di digital web.

No comments

Monies Milano Gioielli Primavera Estate 2019

Gioielli oversize

Ebano, madreperla, legno, ambra e altre pietre rare e antiche sembrano levigate dal mare e dal vento ma è nel laboratorio di Gerda e Nikolai ...