Regus, il co-working che aspettavamo, anche durante la Fashion Week Milanese

0
regus 2019

Smart working e networking dovunque si vada. E chi lo sa meglio di noi! Sappiamo quanto sia importante: oltre a non essere costretti ad affittare un ufficio quando ancora non è possibile, il co-working offre nuove opportunità di business, condivisione di spazi per chi non ama lavorare da solo e, soprattutto, un continuo scambio di idee.

Fino a qualche anno fa era impossibile per un free lance, per professionisti sempre in viaggio o per chi è all’inizio della propria attività. Oggi, se si ha bisogno di una scrivania, di una sala riunioni, di lavorare in una lounge o in uno spazio di co-working – solo per un’ora o per diversi anni – basta scaricarsi la App di Regus, leader globale per gli spazi di lavoro flessibili, per prenotare facilmente ciò che serve. In qualsiasi città del mondo.

Sono sufficienti un paio di clic per accedere a una rete di 3200 business center in 110 Paesi, contare su 50 milioni di hotspot Wi-Fi e liberarsi all’istante dal terrore di terminare i Gb. In Italia i Regus sono 43 e sono distribuiti tra Verona, Torino, Genova, Bologna, Bergamo, Brescia, Padova, Napoli e ovviamente Roma e Milano. Proprio nel capoluogo lombardo, il gigante del lavoro flessibile ha appena inaugurato due nuovissime sedi in via Visconte Modrone e in zona Tortona a Milano.

www.regus.it | @regusglobal | #Regus

LEGGI ANCHE: A Milano, in un ex convento del XV secolo, un centro per selezionare, sostenere e promuovere le start-up



About author

Lara Mazza

Lara Mazza

Agli studi scientifici ha preferito la filosofia, la scrittura, la fotografia e poi la comunicazione. Così, a forza di parlare per lavoro e scattare per diletto, sono passati un bel mucchietto di anni. Il tempo passa, la vita corre ma la passione resta. Se su due ruote o accompagnata da un quattro zampe meglio ancora.

No comments

Alias. Spaghetti chair Limited Edition by Alfredo Häberli: sette modelli editati in 7 serie.

Spaghetti chair by Alfredo Häberli

Ho pensato: se Giandomenico Belotti fu in grado di progettare una sedia così estrema prima che io iniziassi questo lavoro, forse queste immagini che vedo, questa ...