Desalto. Visti al Salone del Mobile.Milano 2019

0
desalto 2019

La forma per definire la materia. La materia per dar corpo alla forma. Il design per imprimere carattere. Il dialogo continuo tra questi elementi è il filo conduttore del percorso intrapreso da Desalto, azienda storica, guidata da circa un anno dall’art director Gordon Guillaumier. Il designer, orchestrando i progetti dei diversi autori, ha definito in modo nitido e immediatamente percepibile, l’identità dell’azienda, puntando su linee ancor più rigorose ed essenziali.

Ne è un esempio la collezione Void, firmata da Guglielmo Poletti. Una famiglia di tavolini, panche e console in lamiera di acciaio curvata che sanno esprimere purezza di volumi, leggerezza e insieme solidità. “La serie Void – spiega il designer – nasce come indagine sulla forma in relazione ai concetti architettonici di massa e vuoto. La collezione è caratterizzata dall’estrema purezza dei volumi, i cui profili lineari definiscono un solido che è stato parzialmente decostruito e scavato. Questo sottile gesto di sottrazione si traduce in un forte impatto, grazie alla curvatura della base che definisce uno spazio in grado di alterare la percezione visiva degli oggetti.

Presentati al Salone del Mobile.Milano 2019, insieme a Void, anche il tavolo in legno e alluminio MM8, sempre di Guglielmo Poletti; la collezione per l’outdoor Strong di Eugeni Quitllet; la sedia da pranzo Mun di Mario Ferrarini, il sistema di librerie Step di Nendo; la poltrona Aria dell’Atelier Oï; le madie Kazimir create da Gordon Guillaumier.

www.desalto.it | @desaltospa | #FESalone2019 | #FEFuorisalone2019

LEGGI ANCHE: ARCHITETTURA/ISALONI

About author

Laura Perna

Laura Perna

Dopo la laurea in filosofia conseguita presso l'Università Cattolica di Milano inizia il suo percorso professionale nell'area della comunicazione: uffici- stampa, relazioni pubbliche, editoria. Il suo rapporto con la scrittura è intenso e quotidiano. FourExcellences rappresenta un "punto e a capo", una svolta. È un'idea, poi un progetto che si trasforma in realtà day by day. È una dichiarazione d'indipendenza che condivide con le sue compagne di viaggio. È lo specchio di un mondo effervescente e creativo, la voce di infinite storie.

No comments

Roberto Kusterle | Sulla metamorfosi

Giovedì 18 maggio 2017  ore 19.30, presso lo spazio Nonostante Marras a Milano, l’inaugurazione della personale di Roberto Kusterle | Sulla metamorfosi, a cura di Francesca Alfano ...