Lema. Visti al Salone del Mobile.Milano 2018

0
lema mobili visti al salone del mobile 2018 milano

Il linguaggio di Lema pur fedele a una grammatica espressiva discreta e mai invadente ha scelto – per le proposte 2018 presentate al Salone del Mobile – di imboccare una nuova strada, abbracciando uno stile più originale e riconoscibile. Un twist inedito, espresso nell’armonico incontro tra materiali ricercati dalle intense cromie e forme, a tratti minimaliste, a tratti importanti nei volumi.

Scelta coraggiosa dunque. E immagine riflessa della personalità dei designer che insieme a Piero Lissoni, art director del marchio dal 1994, hanno dato vita a nuove storie di affinità con l’azienda.

Tra i progettisti che collaborano con l’impresa brianzola David Lopez Quincoces. Sue creazioni l’easy-chair Alton la cassettiera a isola Areia, il tavolo Alamo (nella foto). Un’indagine materica quest’ultima, che interpreta, attraverso il suo tratto rigoroso e sofisticato, i codici decorativi tipici degli anni ’40 ma con un gusto minimale. La ricerca del designer si è infatti concentrata sul tema della leggerezza: struttura e piano sono elegantemente asciutti, ridotti al minimo. La struttura è in metallo verniciato bronzo patinato e inedito è il piano effetto seminato. Realizzato in stratificato di alluminio, è caratterizzato da una nuova esclusiva finitura, composito di resina, polvere di marmo pigmentata e scaglie di metalli nobili come ottone e bronzo proposta in tre affascinanti versioni ispirate alle pietre naturali: Blu Lapislazzuli, Verde Malachite, Nero Belgian Blue.

Disponibile anche in rovere termotrattato, Alamo è proposto in quattro dimensioni: mm. 2400/2700/3000/3300 x 905×710 (lxpxh).

www.lemamobili.com | www.salonemilano.it | #Salone2018 | #iSaloni | #LemaMobili

LEGGI ANCHE: Slow Living

About author

Laura Perna

Laura Perna

Dopo la laurea in filosofia conseguita presso l'Università Cattolica di Milano inizia il suo percorso professionale nell'area della comunicazione: uffici- stampa, relazioni pubbliche, editoria. Il suo rapporto con la scrittura è intenso e quotidiano. FourExcellences rappresenta un "punto e a capo", una svolta. È un'idea, poi un progetto che si trasforma in realtà day by day. È una dichiarazione d'indipendenza che condivide con le sue compagne di viaggio. È lo specchio di un mondo effervescente e creativo, la voce di infinite storie.

No comments

manila grace capsule red carpet primavera estate 2018

Red Carpet. “Divine” per una sera

Vi sarà capitato di trovarvi davanti all’armadio aperto, magari prima di una festa o una serata importante, senza sapere esattamente cosa indossare nonostante il guardaroba ...