Lema. Visti al Salone del Mobile.Milano 2018

0
lema mobili visti al salone del mobile 2018 milano

Il linguaggio di Lema pur fedele a una grammatica espressiva discreta e mai invadente ha scelto – per le proposte 2018 presentate al Salone del Mobile – di imboccare una nuova strada, abbracciando uno stile più originale e riconoscibile. Un twist inedito, espresso nell’armonico incontro tra materiali ricercati dalle intense cromie e forme, a tratti minimaliste, a tratti importanti nei volumi.

Scelta coraggiosa dunque. E immagine riflessa della personalità dei designer che insieme a Piero Lissoni, art director del marchio dal 1994, hanno dato vita a nuove storie di affinità con l’azienda.

Tra i progettisti che collaborano con l’impresa brianzola David Lopez Quincoces. Sue creazioni l’easy-chair Alton la cassettiera a isola Areia, il tavolo Alamo (nella foto). Un’indagine materica quest’ultima, che interpreta, attraverso il suo tratto rigoroso e sofisticato, i codici decorativi tipici degli anni ’40 ma con un gusto minimale. La ricerca del designer si è infatti concentrata sul tema della leggerezza: struttura e piano sono elegantemente asciutti, ridotti al minimo. La struttura è in metallo verniciato bronzo patinato e inedito è il piano effetto seminato. Realizzato in stratificato di alluminio, è caratterizzato da una nuova esclusiva finitura, composito di resina, polvere di marmo pigmentata e scaglie di metalli nobili come ottone e bronzo proposta in tre affascinanti versioni ispirate alle pietre naturali: Blu Lapislazzuli, Verde Malachite, Nero Belgian Blue.

Disponibile anche in rovere termotrattato, Alamo è proposto in quattro dimensioni: mm. 2400/2700/3000/3300 x 905×710 (lxpxh).

www.lemamobili.com | www.salonemilano.it | #Salone2018 | #iSaloni | #LemaMobili

LEGGI ANCHE: Slow Living

About author

Laura Perna

Laura Perna

Dopo la laurea in filosofia conseguita presso l'Università Cattolica di Milano inizia il suo percorso professionale nell'area della comunicazione: uffici- stampa, relazioni pubbliche, editoria. Il suo rapporto con la scrittura è intenso e quotidiano. FourExcellences rappresenta un "punto e a capo", una svolta. È un'idea, poi un progetto che si trasforma in realtà day by day. È una dichiarazione d'indipendenza che condivide con le sue compagne di viaggio. È lo specchio di un mondo effervescente e creativo, la voce di infinite storie.

No comments

gan spaces garden layers patricia urquiola

GAN Spaces. Visti al Salone 2017

È durante un viaggio in India che la designer spagnola Patricia Urquiola ispirata dai giardini, dalle terrazze e delle miniature dell’architettura moghul ha avuto l’intuizione di ...