L’inverno di Chichi Meroni: colori e joie de vivre

0

Siamo delle appassionate follower di Chichi Meroni. L’anno scorso abbiamo dedicato un post a L’Arabesque* cult store a Milano, da lei fondato, una vetrina ricercata tra presente e passato di oggetti e mobili di design, bijoux d’epoca, capi e accessori vintage. Inoltre libri d’arte, profumi e un delizioso caffè/libreria.

In attesa di incontrare personalmente la signora Meroni, per un’intervista dedicata, raccontiamo la sua ultima fatica la collezione Autunno/Inverno 2017-18 de L’Arabesque.

Chichi Meroni

Chichi Meroni

Fil rouge della collezione è la natura. “Le cromie sono riferimenti alla gioia di vivere nel rispetto del ciclo naturale della vita, come il giorno e la notte. E, come le tenebre si aprono al giorno, questo si chiude nel blu più scuro del tramonto, in un cerchio continuo che vede e guarda al ritorno della luce e della notte. Ogni notte lascia il posto all’altra con le sue sfumature dal rosa all’arancio del sole, e ogni tramonto volge al magenta per sciogliersi nell’oscuro del rosso, che si chiude nella forza del blu e poi della notte più nera.

Predominano dunque i colori della notte e dell’alba – il nero, l’inchiostro, il blu, l’arancio e il rosa – e le tinte della terra – l’argilla, il fango e l’ocra.

Ai nostri occhi si presentano quindi morbidi cappotti e rendigote, giacche, intelate e rigide sui fianchi, dalla silhouette rigorosa. Gonne ampie con drappeggi a moulage, abiti plissé soleil, pencil skirt a fiori e longuette ondeggianti con balze scultoree. Si aggiungono le camicie, bianche o stampate a micro disegni, abbinate a pantaloni dal taglio maschile o tuxedo e maglieria e abiti valorizzati da ricami ad intarsio e applicazioni in velluto che si completano con cinture – gioiello.

La collezione maschile spazia dall’ispirazione brit style a quella della montagna con la creazione di capispalla e pantaloni dai tessuti tradizionali e tecnici mentre la maglieria sfoggia una lavorazione non convenzionale ma ricercata. Un taglio sartoriale con un approccio al moderno.

www.larabesque.net | @larabesquecultstore | #larabesqueworld

*L’Arabesque. Un “petit salon de curiosités”

About author

Gabriella Steffanini

Gabriella Steffanini

Cresciuta professionalmente nel mondo dell’editoria e della comunicazione, oggi, con il progetto Fourexcellences, ha concretizzato un sogno. Attrice per hobby, yogi nell’anima e sportiva per vocazione, è un mix di caos, silenzio, musica, generosità, amore, amicizia, favole, vecchio, moderno, tablet, pc, libri e parole, parole, parole… Cosa saremmo senza? Si occupa di marketing e di digital web.

No comments

pink is good 2017

Sempre più con il cuore

Un’altra unione solidale per il fiocco rosa di “Pink is Good”, progetto creato da Umberto Veronesi nel 2013 per promuovere la prevenzione contro il tumore ...