Cappello, l’accessorio più chic

0

La parola cappello deriva dall’alto latino cappellus, diminutivo di cappa, cioè piccola cappa atta a riparare la testa. Le tracce della sua nascita si perdono nei secoli ma è dal 1500, con l’afflusso delle ricchezze e la necessità di “apparire in pubblico con aspetto decoroso”, che si cura l’abbigliamento come segno di distinzione, anche sociale. Nel corso dei secoli successivi questo accessorio ha continuato la sua mutazione seguendo i ritmi serrati delle mode, diventando oggi un segno di identità e di comunicazione. Ce lo racconta Alessio Marzi, AD di Marzi Firenze in questa intervista.

Come e quando nasce il marchio?
All’epoca dei Gran Tour le dame inglesi amavano completare le loro mise con eleganti cappelli in paglia fiorentina. Spartero Bargioni, capostipite del marchio, si trasferisce quindi a Parigi con il desiderio di imparare l’arte del cappello e al suo ritorno a Firenze, nel 1926, fonda nella grande casa di famiglia l’azienda dove ancora oggi vengono realizzati gli eleganti cappelli da donna Marzi Firenze. Durante gli anni Cinquanta la figlia Rosanna, attuale stilista del marchio, sposa Alfonso Marzi aprendo dunque le porte alla seconda generazione di quella che, nel giro di pochi anni, diventa una delle prime realtà italiane in questo settore. Ora Alessio Marzi, figlio della coppia, è ai vertici amministrativi come terza generazione di questa azienda artigianale che vanta numerosi punti vendita in Italia e all’estero, grazie ad un’autentica passione per il cappello tramandata di generazione in generazione. Vanto della Marzi Firenze è l’uso della quasi introvabile “maglina di Firenze” con la quale si realizzano cappelli a piccole e larghe tese, toque e copricapo da cerimonia abbelliti da applicazioni di impalpabile tulle, fiori di seta e decorazioni di carta pressata rigorosamente dipinte a mano. Una paglia pregiata che non si produce più e che viene ora custodita gelosamente nei magazzini per proporre alcuni modelli speciali.

Come nasce una collezione Marzi Firenze?
Le collezioni Marzi Firenze sono frutto di un lavoro creativo tutto italiano. La manodopera è altamente specializzata per mantenere quella tradizione che sa di artigianato, di antica sapienza tramandata, di continua ricerca della perfezione attraverso l’attenzione ai più piccoli particolari: un vincente connubio tra innovazione, tecnologia e amore per le origini. Di anno in anno la collezione si amplia per proporre la vera riscoperta del cappello, un filtrato di continuità che conduca il consumatore finale all’identificazione immediata del marchio.

Tre aggettivi che definiscono il vostro stile…
Elegante. Raffinato. Glamour.

Progetti per il futuro?
Le sfilate più recenti hanno segnato il grande ritorno del cappello. Se negli ultimi anni era relegato a fenomeno di nicchia, ora le proposte sono diversificate per modelli, stili e stagioni. Se il freddo dell’inverno lo ha fatto riscoprire assieme alla voglia di coprirsi, l’estate lo elegge invece accessorio della stagione anche tra i più giovani. Insomma, un ritorno tra la grande tradizione aristocratica e l’innovazione più modaiola. Per questo continueremo a proporre la nostra prima linea Marzi Firenze e ad ampliare la Marzi Firenze Red, una Red Label per avvicinarci anche a un target più giovane e glamour, oltre a rivolgerci come sempre alla nostra clientela raffinata e fidelizzata negli anni.

Perché il cappello è una cosa seria!

www.marzi.com

LEGGI ANCHE: Occhiali da sole. La top ten dell’estate

About author

Lara Mazza

Lara Mazza

Agli studi scientifici ha preferito la filosofia, la scrittura, la fotografia e poi la comunicazione. Così, a forza di parlare per lavoro e scattare per diletto, sono passati un bel mucchietto di anni. Il tempo passa, la vita corre ma la passione resta. Se su due ruote o accompagnata da un quattro zampe meglio ancora.

No comments