Gioielli, borse, cinture… e il metallo si fa tessuto

0

Ho conosciuto Laura quest’anno a Barcellona, durante la cena di Capodanno. La mia vicina di tavolo. Una donna estremamente affascinante, con un certo je ne sais quoi. All’inizio lo scambi per tristezza, unita ad una certa “distanza”, e poi, una volta “rotto il ghiaccio”, comprendi che è semplicemente l’ingresso timido di chi, prima di aprirsi, vuole conoscere e capire l’altro. Ci siamo divertite! Cava, cibo, musica, un’ottima compagnia e… la festa è diventata subito effervescente!

Laura B Collection Particuliere 2017

Laura Bortolami.

Laura B, alias Laura Bortolami, è italianissima, ma ha girato il mondo e l’Italia è probabilmente il Paese che ha frequentato meno. Parla perfettamente quattro lingue: italiano, spagnolo, francese e inglese. Dopo la maturità si è trasferita a Londra. Un anno sabbatico per poi iscriversi all’Università di Ginevra dove consegue una laurea in traduzione specializzata in diritto ed economia. Terminati gli studi torna in Italia e lavora per grandi griffe come Armani, Versace e Dolce&Gabbana.

Laura B Collection Particuliere 2017

Un’immagine dell’atelier LauraB a Barcellona, Spagna.

Nei primi anni ’90 il viaggio in India. È il luogo del cuore e fonte d’ispirazione per creare una linea di accessori per la designer e amica Andrea Sargeant. Ma la sua collezione di gioielli prende vita ad Avignone, nel sud della Francia. Sono pezzi unici, mix di “brocantes” e revival anni ’70 che riscuotono un discreto successo e spingono Laura a fondare il proprio brand: Laura B Collection Particulière. Nel 1995, Laura si trasferisce a Barcellona, Spagna, dove attualmente vive.

Ricerca, design e scelta dei materiali sono i denominatori comuni della sua evoluzione creativa e la maglia in metallo – in uso negli Anni ’20 per le pochette da sera – diventa il suo marchio di fabbrica. All’inizio la utilizza solo per i gioielli, poi arrivano le cinture e le borse. E qui la maglia incontra altri materiali: pietre, catene, cristalli, piume, pizzi e pelli, decretandone il successo e la distribuzione nelle boutique più cool: da Corso Como 10 a Milano, a Barney’s a Tokyo e New York, fino a Liberty a Londra. Pezzi da collezionare, realizzati a mano uno ad uno, nell’atelier di Barcellona.

LEGGI ANCHE: MODA/ACCESSORI

About author

Gabriella Steffanini

Gabriella Steffanini

Cresciuta professionalmente nel mondo dell’editoria e della comunicazione, oggi, con il progetto Fourexcellences, ha concretizzato un sogno. Attrice per hobby, yogi nell’anima e sportiva per vocazione, è un mix di caos, silenzio, musica, generosità, amore, amicizia, favole, vecchio, moderno, tablet, pc, libri e parole, parole, parole… Cosa saremmo senza? Si occupa di marketing e di digital web.

No comments

Kartell à la mode Parati Paula Cademartori

Design à la mode

Due mani unite a formare il simbolo dell'amore universale e un tripudio di fiori ispirati al Giardino Botanico di Rio de Janeiro. È il decoro ...