Movitra: la rivoluzione nell’occhiale

Gli occhiali sono parte integrante di noi, devono seguire, con praticità, il nostro stile di vita e le nostre esigenze, senza compromessi. Le più grandi intuizioni nascono dalle necessità di ogni giorno, ma solo chi ha il coraggio di sperimentare trasforma quelle intuizioni in cambiamento. Filippo Pagliacci, Presidente e co-fondatore MOVITRA.

Indosso gli occhiali da vista più o meno da quando avevo diciassette anni. Non sono più una ragazzina quindi fate voi i calcoli… Oltre alla rottura della montatura il vero grande contrattempo, per noi “quattr’occhi”, è la rigatura o ancora peggio la rottura delle lenti.

Movitra Spectacles è l’azienda che ha inventato e brevettato un sistema per proteggere le lenti da urti e graffi, regalandoci una maggiore libertà. Il meccanismo, rivoluzionario, consiste nel ruotare la montatura su se stessa e chiudere le stanghette su entrambe le lenti, proteggendole.

I soci fondatori e ideatori del progetto, nato, sviluppato e concretizzato a Milano, sono: Filippo Pagliacci – presidente e Ceo – Giuseppe Pizzutobrand manager con un passato da art director – e Diego Ponzetto – che si occupa di progettazione 3D in Solid Works.

Movitra Spectacles 2016

Diego Ponzetto, Giuseppe Pizzuto, Filippo Pagliacci.

Le creazioni Movitra sono interamente “Made in Italy”: dalle lastre di acetato, al meccanismo di rotazione, alle lenti, fornite da Carl Zeiss Vision.

Gli occhiali, declinati in tre modelli, sono proposti in otto varianti di colore. Il prezzo varia dai 235€ ai 255€ e si rivolge ad una fascia di pubblico medio-alta. Attualmente sono acquistabili online direttamente dal sito www.movitraspectacles.com e in selezionati negozi di ottica. Da marzo 2016 saranno distribuiti in alcuni tra i più esclusivi specialty store moda in Italia e all’estero.

Movitra deriva dal latino, Movere e Vitra: movimento delle lenti.
Un nome italiano per un prodotto completamente Made in Italy.

LEGGI ANCHE: IN “COCCO”, PER LUI

About author

Gabriella Steffanini

Gabriella Steffanini

Cresciuta professionalmente nel mondo dell’editoria e della comunicazione, oggi, con il progetto Fourexcellences, ha concretizzato un sogno. Attrice per hobby, yogi nell’anima e sportiva per vocazione, è un mix di caos, silenzio, musica, generosità, amore, amicizia, favole, vecchio, moderno, tablet, pc, libri e parole, parole, parole… Cosa saremmo senza? Si occupa di marketing e di digital web.

Flou | Visti al Salone del Mobile 2017

Si dice Flou e si pensa Natalie, il primo letto tessile progettato da Vico Magistretti nel 1978. Morbidamente imbottito, rivestito in tessuti sfoderabili, lavabili e ...